Seleziona una pagina

Medicina integrata ed etnobotanica

Atti del convegno scientifico, a cura di Paolo Maria Guarrera, svoltosi al Museo delle Civiltà il 7 marzo 2019.

Scarica il PDF

La mostra “Le piante e l’uomo” è stata allestita allo scopo di proporre all’attenzione del pubblico una riflessione sulla tematica delle piante in relazione alla vita umana nel passato, nel presente e nel futuro. Molto è stato già scritto nel catalogo della mostra (Guarrera, 2018) (Fig. 1), a cui senz’altro rimando, in cui oltre 100 piante, presentate mediante manufatti museali, foto, stampe, campioni d’erbario, parti vegetali sono state esaminate per i loro utilizzi in: Medicina, Veterinaria e Zootecnia; Alimentazione; Artigianato; Tessitura e Tintoria; Religione e Ritualità. Nelle schede delle singole piante compaiono anche Descrizione, Ecologia e Diffusione delle specie, Simbologia, Mitologia, Iconografie famose, origine dei nomi, nomi dialettali, toponimi (nomi di luoghi derivati da piante) e proverbi. È stata affrontata anche la tematica dello Sviluppo Sostenibile. Non a caso la mostra terminava con un ultimo pannello dedicato all’Enciclica di Papa Francesco “Laudato si’”(2015) che, citando i documenti sui principali congressi sull’argomento, si erge all’inizio del XXI secolo a difesa dell’uomo e dell’ambiente. Cerco di seguito di ricordare alcuni dei principali soggetti elencati nel titolo della mostra. [Paolo Maria Guarrera]

La relazione tra pianta ed essere umano è una delle più istintive e profonde. Sono in causa naturalmente aspetti estetici, psicologici, alimentari, leggendari, scaramantici, rituali, ma una particolare rilevanza assume proprio il ruolo svolto dalle piante (e dai funghi) nel costituire fin dalla più remota preistoria una immensa farmacia a disposizione degli uomini. Fin dai tempi dei più antichi cacciatori-raccoglitori, erano in particolare le donne, per la loro capacità di distinguere tendenzialmente meglio odori e colori, a conservare la sapienza e la tradizione per scegliere e trattare le piante a fini curativi, cicatrizzanti, sedativi e narcotici. [Filippo M. Gambari]

Gli atti del convegno che ha accompagnato e arricchito l’esposizione dedicata a “Le piante e l’uomo: scienza, riti, arte e tradizioni – per uno sviluppo sostenibile” si presentano come un importante contributo di approfondimento ai temi proposti dalle varie sezioni della mostra. Gli autori coinvolti affrontano infatti questioni che vanno dalla medicina, all’etnobotanica, all’erboristeria, aprendo un ampio ventaglio di possibili letture scientifiche, rituali, simboliche, tecniche. [Leandro Ventura]